REGIONE DI KRAPINA E DELLO ZAGORJE – LA REGIONE DELLE TERRE ALTE CROATE

  • Destinazione:
  • Durata: 5 giorni
  • Partenza: 21/08/2024
  • Arrivo: 25/08/2024
  • Prezzo: €750

Un’incantevole regione ricca di castelli, borghi pittoreschi, distese di vitigni e stazioni termali.

Primo giorno * Mercoledì 21 Agosto 2024

PARMA/REGGIO EMILIA – TUHELJ

Nella prima mattinata ritrovo dei Sig.ri partecipanti nei luoghi convenuti, sistemazione in confortevole Pullman Gran Turismo e partenza via Autostrade per la Croazia. Pranzo libero lungo il percorso e proseguimento viaggio per la regione Croata dello Zagorje.  Arrivo a TUHELJ, situata nella parte occidentale della Regione di Krapina e dello Zagorje, ai piedi del Monte Cesare, lungo il fiume Horvatska, viene citata per la prima volta addirittura alla fine del XIV secolo. Il suo nome deriva dall’antica parola slava “tuhl”, che significa “cavità”. Nel corso della sua storia, Tuhelj è stata centro religioso, politico e culturale. Sistemazione in Hotel Termale, nelle camere riservate, restante pomeriggio per godere le terme e le piscine dell’Hotel.  Le strutture alberghiere nei pressi delle sorgenti e dei fanghi termali, rappresentano la base per lo sviluppo e l’offerta economica di questa regione. Cena e pernottamento.

Secondo giorno * Giovedì 22 Agosto 2024

KLANJEC – KUMROVEC – VELIKI TABOR

Prima colazione in Hotel. Partenza per la visita guidata di KLANJEC, ricca di storia e di tradizione, situata ai piedi del Monte Cesare, lungo gli argini del fiume Sutla, al confine con la Slovenia. Klanjec viene citato per la prima volta in documenti risalenti alla metà del XV secolo, anche se si crede che sia molto più antico, perché si pensa sia stato costruito per difendere la roccaforte di Cesargrad, le cui tracce scritte risalgono al XIV secolo. Il nome del paese deriva dalla sua collocazione geografica all’ingresso della gola di Zelenjak. Trattasi di una cittadina caratterizzata da un’architettura affascinante e una natura meravigliosa. Durante la sua storia, Klanjec fu nota come centro di commercio già dal XVI secolo, diventando nel XIX secolo il capoluogo di un distretto e di una provincia. La cittadina deve il suo aspetto curato e pittoresco alla casata degli Erdödy, che governò questa regione per oltre quattro secoli. Il castello di Novi Dvori Cesargradski, anche se oramai parzialmente distrutto, è uno dei castelli più importanti dello Zagorje. Il convento francescano con la Chiesa dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria, del XVII secolo, nella pittoresca piazza Antun Mihanović è un’eredità di gran valore. La città di Klanjec è stata luogo natale di scienziati e artisti famosi tra cui dr. Ivan Broz e Franjo Iveković, autori del primo dizionario della lingua croata, Oton Iveković, uno dei più grandi pittori della storia croata, il famoso scultore Antun Augustinčić, il cui capolavoro – la scultura “Pace” – adorna l’ingresso dell’edificio dell’ONU a New York. Visita allo Studio e Galleria Antun Augustinčić fondata nel 1970, quando Antun Augustinčić (1900–1979), che aveva studiato a Zagabria e Parigi per diventare uno dei più importanti scultori croati e un rappresentante indispensabile dell’arte moderna croata, donò le sue opere al nativo Klanjec. La donazione comprendeva sculture realizzate durante i suoi 50 anni di carriera, dagli anni ’20 agli anni ’70, che gli valsero fama e reputazione sia in patria che all’estero. Anche l’autore dell’inno nazionale croato, Antun Mihanović, ha passato gran parte della sua vita in questo paese. Proseguimento per KUMROVEC, visita guidata della principale attrazione di Kumrovec, il Museo Etnologico Staro Selo (Vecchio Villaggio) con case di villaggio molto ben conservate di fine XIX / XX secolo. La ricostruzione di queste case iniziarono nel 1977. I visitatori possono vedere mostre etnologiche permanenti di manufatti legati alla vita e all’opera dei contadini di Zagorje nel XIX/20 secolo, come la vita degli sposi nuovi, dalla canapa al lino, i mestieri del fabbro, la ceramica, dal granino al pane, ecc. Kumrovec è il luogo di nascita di Josip Broz Tito (1892-1980), accanto alla casa natale si trova la statua in bronzo del maresciallo Tito (realizzato da Antun Augustincic, 1948). Trasferimento a Veliki Tabor per la visita guidata, il castello fu costruito a scopi difensivi, prevalentemente contro il pericolo ottomano, ed oggi è un prezioso bene culturale sotto l’egida dell’UNESCO. La parte più antica del centro fortificato è la sua parte centrale, il castello pentagonale, le cui caratteristiche stilistiche appartengono al periodo tardo gotico. Il castello è circondato da quattro torri rinascimentali semicircolari collegate da cortine murarie e dalle mura della parte nord dell’ingresso. Il centro del forte è circondato da una cinta muraria esterna (la distanza dal punto più orientale a quello più occidentale è di circa 225 metri) con un ufficio agricolo, un bastione rinascimentale, due corpi di guardia semicircolari (nord e sud) e la torre d’ingresso quadrangolare (presente solo a livello archeologico) attraverso il quale correva la strada di accesso. Si conoscerà anche la leggenda dell’amore proibito, triste storia d’amore …… nel Medioevo Veliki Tabor apparteneva a Hermann II, conte di Celje, suo figlio Fridrik si innamorò di Veronika, una ragazza di famiglia povera. Hermann rifiutò di accettare come nuora una nobildonna minore. L’ accusò di stregoneria e la fece annegare.  La ribellione di Federico contro Hermann si concluse con la prigionia di Federico. Il suo corpo sarebbe stato murato a Veliki Tabor….. Durante i trasferimenti tempo a disposizione per il pranzo libero. Rientro in Hotel per la cena ed il Pernottamento.

Terzo giorno *Venerdì 23 Agosto 2024

KRAPINA – TRAKOSCAN

Prima colazione in Hotel. Partenza per la visita guidata di Kraprina, culla dell’uomo preistorico; Il suo ricco passato affonda le proprie radici nella notte dei tempi. Nell’area del colle Hušnjakovo, alle porte di Krapina, l’uomo di Neanderthal lasciò traccia della propria presenza ben 130.000 anni fa, come ebbe occasione di dimostrare il grande geologo, paleontologo e paleo antropologo croato Dragutin Gorjanović Kramberger. A lui il merito di aver reso famosa Krapina in tutto il mondo. Nel 1899 è stato rinvenuto quello che può essere definito come il giacimento di ossa fossili dell’uomo di Neanderthal più grande d’Europa. I reperti rinvenuti all’interno del sito sono stati analizzati da esperti internazionali e la loro interpretazione ha influenzato diverse teorie scientifiche sull’evoluzione umana, sulla genesi della nostra civiltà e sulle abitudini di vita delle comunità di ominidi in Europa, durante il periodo del Pleistocene. Sul finire degli anni ‘90 si diede avvio alla costruzione del nuovo Museo Krapina Neanderthal, che visiteremo. Il sito ha ottenuto il riconoscimento del Marchio del patrimonio europeo nel 2015. Proseguimento viaggio per la visita guidata del meraviglioso Castello di Trakoscan inserito in un’incantevole cornice. Costruito nel 1334, è stato rimaneggiato in stile neogotico ed è circondato da 87 ettari di terreno, un grazioso parco romantico in stile inglese arricchito da alberi esotici e un delizioso laghetto artificiale. I tre piani di castello sono corredati da tutti gli arredamenti originali e ritratti: si ammireranno magnifiche stanze realizzate in stili diversi: neorinascimantale, barocco e gotico oltre alla collezione di spade e armi da fuoco e la cucina d’epoca. Tempo a disposizione per il pranzo libero. Rientro in Hotel per cena e pernottamento

Quarto giorno *Sabato 24 Agosto 2024

VARAZDIN

Prima colazione in Hotel. Partenza per la visita guidata di Varazdin. Sebbene venga spesso dimenticata dai circuiti turistici, Varaždin è una meravigliosa città in stile barocco con evidenti influenze austro-ungariche, ricca di castelli, giardini e parchi di grande bellezza. Un tempo era la capitale della Croazia e gli antichi fasti del passato sono evidenti nei suoi eleganti palazzi signorili, nell’armonia barocca delle sue vie e nella fortezza bianca di Stari Grad, imponente e fiabesca. Varaždin rappresenta il complesso urbano meglio conservato e più ricco della Croazia continentale. La Città Vecchia, (Stari Grad – fortezza) è un esempio di edifici difensivi medievali. Il torrione della Città Vecchia è uno dei monumenti più grandi della città di Varaždin e una delle sue maggiori attrazioni turistiche. Si trova nella parte nord-occidentale del nucleo cittadino. Oggi il mastio ospita il Museo civico di Varaždin. La costruzione iniziò nel XIV secolo e nel secolo successivo furono aggiunte le torri arrotondate, tipiche dell’architettura gotica in Croazia. Nel 1523 il margravio Giorgio di Brandeburgo costruì il municipio in stile tardo barocco, con lo stemma di Varaždin e ha continuato nella sua funzione fino ai giorni nostri. La cattedrale di Varaždin, ex chiesa gesuita, fu costruita nel 1647 e si distingue per il suo portale barocco, l’altare settecentesco e i dipinti. Merita una menzione particolare il Teatro Nazionale Croato di Varaždin, costruito nel 1873 su progetto degli architetti viennesi Herman Helmer e Ferdinand Fellner. La città presenta la sua vecchia guardia cittadina, chiamata Purgari, in varie cerimonie cittadine, nonché nella cerimonia settimanale del “cambio della guardia” davanti al municipio. Il cimitero risale al 1773 ed è stato a lungo un luogo ordinario fino al 1905, quando Herman Haller ebbe l’idea di renderlo più simile a un parco con grandi alberi e viali dove i cittadini potessero passeggiare. Il cimitero di Varazdin è un capolavoro ornamentale risalente al 1905, ricco di scorci suggestivi: un labirinto di vialetti e passeggiate con ben 700 alberi di magnolie, betulle e faggi; ora è un parco culturale e naturale protetto. Oggi la città ha numerose aree di interesse che vanno dalle aree culturali (riflesse nei numerosi musei, gallerie e teatri della zona), centri commerciali nel centro della città, varie strutture sportive e ricreative, anche una ricca storia nella cucina. Tempo a disposizione per il pranzo libero. Rientro in Hotel per cena e pernottamento.

Quinto giorno *Domenica 25 Agosto 2024

TUHELJ – PARMA/REGGIO E.

Prima colazione in Hotel. Tempo libero per godersi un bagno termale in Hotel. Sistemazione in Pullman e partenza per il viaggio di rientro. Pranzo libero lungo il percorso. Arrivo previsto in serata.

La quota individuale di partecipazione di € 750,00 comprende:

Viaggio in Pullman Gran Turismo dotato dei più moderni comfort e sistemi di sicurezza; sistemazione in Hotel 3/4****stelle in confortevoli camere doppie dotate di servizi privati; trattamento di Mezza Pensione comprensiva delle Cene e delle Prime Colazioni a Buffet; bibite a cena (succo – acqua – vino e birra); servizio guida come da programma; ingressi alla Galleria e studio di Antun Augustincic, all’Etno Museo Staro Selo con la casa di Josip Broz Tito, al Castello di Veliki Tabor,  al Museo di Neanderthal, al Castello di Trakoscan; accompagnatore d’Agenzia per tutta la durata del viaggio; assicurazione Medico-Bagaglio.

Supplemento Singola € 200,00 

La quota non comprende: pranzi, tassa di soggiorno, tutto quanto non menzionato nella voce la quota comprende.